FAVIGNANA (TP), da avamposto cartaginese a sede di un’attiva tonnara

La chiesa madre con le caratteristiche cupole di maiolica smaltata di verde.

Nell’Odissea il poeta Omero descrive l’arrivo di Ulisse a Favignana come un’isola “ricca di selve e di capre selvatiche, nè molto vicina, nè molto lontana dalla terra dei Ciclopi”. E così dovettero vederla anche i Cartaginesi che arrivarono ad occuparla per la sua posizione favorevole alle correnti e all’abbondanza di una roccia molto tenera, utilissima per le costruzioni. Per lo stesso motivo i Romani la strapparono via ai Cartaginesi, dopo aspre battaglie che tinteggiarono il mare di rosso per alcuni giorni (da qui, probabilmente, il nome di Calarossa). Ma nell’Ottocento, Favignana divenne famosa per la tonnara dei Florio e per il nuovo sistema di conservazione del tonno (sott’olio e non più sotto sale). Dismessa da quasi quaranta anni, la tonnara, così come ogni altro angolo dell’isola, è oggi una splendida attrattiva turistica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: