FAVIGNANA (TP), da avamposto cartaginese a sede di un’attiva tonnara

La chiesa madre con le caratteristiche cupole di maiolica smaltata di verde.

Nell’Odissea il poeta Omero descrive l’arrivo di Ulisse a Favignana come un’isola “ricca di selve e di capre selvatiche, nè molto vicina, nè molto lontana dalla terra dei Ciclopi”. E così dovettero vederla anche i Cartaginesi che arrivarono ad occuparla per la sua posizione favorevole alle correnti e Altro