A proposito di sciame sismico sui monti Nebrodi

Da circa un anno a questa parte si registrano notevoli fenomeni tellurici tra le isole Eolie e l’Etna.
Ad aprire questa serie ininterrotta di movimenti sismici è stato il vulcano Stromboli, con il distacco di una parete laterale e la conseguente onda anomala del 30 dicembre 2002 ore 13:00, ma per un evento analogo si è dovuto attendere la mattina di domenica 19 dicembre 2010, quando una forte esplosione proveniente sempre dal vulcano Stromboli è stata avvertita in tutte le isole dell’arcipelago eoliano.
Da quel momento è aumentata l’attività di eruzione vulcanica, comunque considerata contenuta e nella norma dai ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia sezione di Catania.
La prestigiosa rivista internazionale Journal of Volcanology and Geothermal Research ha avanzato l’ipotesi che tutto si possa ricondurre alla forte pressione causata dal più grande vulcano d’Europa: il Marsili. Altro

L’arcangelo Raffaele, il guaritore delle sofferenze d’amore

L’arcangelo Raffaele (in ebraico “Dio ha guarito”) è una particolare figura legata al sacramento del matrimonio e rappresenta lo strumento di Dio per ogni guarigione di tipo fisico e spirituale.

Tobia guarisce il padre Tobi, Gaetano Mercurio, 1755. Chiesa di Santa Caterina, Galati Mamertino (Me).

Nel messinese, l’arcangelo Raffaele ci appare in un quadro particolarissimo, Tobia guarisce il padre Tobi, custodito presso la Chiesa di Santa Caterina di Galati Mamertino, piccola perla incastonata nei monti Nebrodi e centro di un importante ex-feudo, di cui conserva tutt’oggi importanti testimonianze, molte ancora da scoprire. Altro

Il culto di San Giacomo in Sicilia

San Giacomo il Maggiore o "Santiago" di Compostela

Uno dei pellegrinaggi più famosi al mondo è il Cammino di Santiago, un percorso lungo 700 km che porta a Santiago de Compostela. Nel medioevo esistevano anche vie siciliane compostellane, che avevano come tappe Messina e dintorni (Camaro, Galati Mamertino, Capizzi), Palermo (Gratteri, Gangi, Geraci Siculo), Enna (Nicosia, Sperlinga, Villarosa), Catania (Caltagirone, Bronte, Paternò). Altro

Dal sacrificio al perdono, il mistero della croce

La Trinità, raffinato gruppo marmoreo attribuito ad Antonello Gagini (Palermo 1504 – 1536) e rifinito da Aurelio Basilicata (1539), Chiesa madre di Santa Maria Assunta, Galati Mamertino (ME)

Nel periodo pasquale prende nuova luce e si ravviva il tema del sacrificio di Cristo per l’umanità, un gesto d’amore incondizionato, un dono senza animo di ripetizione. La religione cristiana, nata dall’amore per l’amore, dal conforto dello spirito che prevale sulla materia, dalla spinta caritatevole nei confronti dei bisognosi, rimane la più affascinante filosofia di vita e il più assolutizzante credo religioso di tutti i tempi.

La croce è il potente simbolo del sacrificio cristiano, è l’albero della conoscenza che indica il cammino della fede: Altro